Le vacanze invernali senza fine non lasciano il nostro stomaco da solo: e l'oca